Human Library: la metafora delle biblioteche per infrangere pregiudizi, ovvero non giudicare un libro dalla copertina

Autori

  • Antonella Lamberti Biblioteca Terzani, Campi Bisenzio

Abstract

Le Human Library, biblioteche viventi, sono fatte di persone disposte a raccontare ad altri la propria storia, in cui ha pesato discriminazione o  pregiudizio, affinché altri possano ascoltarla, fare domande e ricredersi sulle proprie eventuali idee preconcette. Questo avviene nell'ambito di un lavoro sul territorio, svolto in Toscana dall'associazione Pandora, che ha il suo momento clou in un incontro pubblico che prende appunto il nome di "biblioteca vivente", durante la quale un mediatore fa incontrare libri viventi e ascoltatori, utilizzando la terminologia della biblioteca per definire fasi dell'operazione e persone coinvolte.

Biografia autore

Antonella Lamberti, Biblioteca Terzani, Campi Bisenzio

Membro AIb Commissione Nazionale Biblioteche e Servizi per Ragazzi
Membro IFLA Standing Committee Libraries for Children and Young Adults

 

##submission.downloads##

Pubblicato

2019-01-29

Puoi leggere altri articoli dello stesso autore/i

1 2 > >>